Ex Snia Viscosa (RM): Il quartiere delle Energie

Durante gli studi universitari ho avuto modo di lavorare su Roma, rimanendo affascinata dalla sua periferia, dove gli spazi aperti sottoutilizzati presentano un grande potenziale per la definizione di nuovi scenari progettuali.

Anita-Ekberg_kl

Uno di questi è rappresentato dalla fabbrica della ex Snia Viscosa, chiusa nel 1954, lungo la via Prenestina, nel quartiere Prenestino. Nel 1992 iniziarono i lavori per Ia costruzione di un centro commerciale e, a seguito di uno sbancamento che arrivò ad intercettare la falda, si creò un grande lago che causò l’interruzione dei lavori. Nel 1995 una parte della struttura industriale venne occupata dall’insediamento di un centro sociale, al fine di rivendicare un utilizzo collettivo dello spazio.

Un’altra parte dell’area, ora parco pubblico, due anni dopo l’occupazione venne espropriata e restituita ai cittadini grazie alla mobilitazione degli stessi, del Comitato di quartiere e degli occupanti. Nel 1997, infatti, il Comune di Roma approvò il progetto del Parco delle Energie che riconosceva nel nuovo lago l’elemento attrattore del quartiere.

Il lavoro della mia tesi di laurea (1998-1999), partendo da queste premesse, sviluppa un’ipotesi di riqualificazione dell’area, attraverso l’istituzione di un parco dalle molteplici caratteristiche che valorizza le vocazioni del territorio, restituendo un nuovo sistema di spazi aperti ai cittadini. Pareti con installazioni impiantistiche d’acqua ed elettricità definiscono la struttura per lo sviluppo flessibile di un nuovo quartiere, dove potranno essere via via edificati nuovi edifici e case.

Ex Snia Viscosa_Plan-03

In questo nuovo villaggio la presenza di tanti elementi verdi, come piazze con alberi e giardini, garantisce l’elevarsi degli standard di vivibilità del quartiere. Inoltre, le presenze del grande lago, di una spiaggia e del Parco delle Energie restituiscono l’immagine di un quartiere manifesto di sostenibilità e di ricchezza ambientale. In una parte dello stabilimento si documenta la storia della fabbrica SNIA, fondata nel 1922 per la produzione della viscosa e, assieme ad altri stabilimenti industriali di grandi e medie dimensioni, motivo della formazione di nuclei di abitazioni spontanei lungo la Via Prenestina e la Via Casilina.

Ex Snia Viscosa_Plan-02

Il progetto, nel suo insieme, vede perciò lo sviluppo di spazi multifuzionali e l’edificazione di abitazioni a prezzo popolare oltre alla realizzazione di aree verdi e la riqualificazione d’un lago naturale favorendo, perciò, il rilancio e la valorizzazione di un pezzo di periferia.

La strategia generale vede, invece, la messa a sistema dei vuoti che caratterizzano il quartiere Prenestino-Labicano e la restituzione di un’identità attraverso la valorizzazione della presenza di aree naturali e trattate a verde.

Andrea Mattern-Louafi


Andrea Louafi ha studiato Architettura ed urbanistica alla Università di Stoccarda, Berlino e Roma, dove realizza la tesi di laurea nel 1999. Lavora a Berlino con il paesaggista Kamel Louafi. http://www.louafi.de

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s